Lavorazioni

Rischi

soluzioniApprofondisci ricerca


Dpi

Visualizzazione di 1-10 risultati su un totale di 29

Pagina:  1 2 3 Successiva »


Prodotti informativi: Otto regole vitali per la sicurezza
Piu’ che regole sono otto principi salvavita: ->1. sicurezza delle aperture nel VUOTO ->2. sicurezza delle aperture nel PAVIMENTO ->3. corretta imbracatura dei CARICHI ->4. MONTAGGIO del ponteggio sulle facciate ->5. CONTROLLO quotidiano dei ponteggi ->6. ACCESSI in quota sicuri ->7. utilizzo dei dispositivi di PROTEZIONE INDIVIDUALI ->8. la sicurezza degli SCAVI. L’opuscolo fa riferimento a norme svizzere ma i principi di fondo restano validi anche per i nostri cantieri.

Anno:
2011
Autore:
SUVA
Lingua:
ITA
Destinatari
Lavoratori, Stranieri


Prodotti informativi: Guida per la sicurezza in edilizia
Manuale operativo, diviso in tre volumi, (1-LISTE DI CONTROLLO, 2-PRONTUARIO Schede Bibliografiche di Riferimento, 3-DOCUMENTI DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DVR, POS, PSS e PiMUS), fornisce ai datori di lavoro e ai soggetti incaricati della gestione della sicurezza in cantiere tutti gli elementi conoscitivi per una corretta valutazione dei rischi. La pubblicazione ha l’obiettivo di fornire una metodologia coerente per la stesura dei Documenti di Valutazione dei Rischi e per l’effettiva verifica in cantiere dell’attuazione delle misure preventive e protettive in essi contenute. Queste verifiche possono essere eseguite con le liste di controllo presenti nel manuale e possono certamente far parte di un sistema di gestione di sicurezza sul lavoro (SGSL) eventualmente adottato dall’impresa.

Anno:
2011
Autore:
CPT Torino e CPT Messina
Lingua:
ITA
Destinatari
Datori di lavoro, Esperti, Giovani e studenti


Prodotti informativi: Guida tecnica per la scelta, l’uso e la manutenzione degli ancoraggi
Il tema degli ancoraggi nel settore delle costruzioni è da sempre molto dibattuto, la legislazione in materia di prevenzione degli infortuni e della sicurezza sul lavoro e quella tecnica non affrontano mai in maniera organica, esplicita ed esauriente la problematica di come identificare, qualificare, progettare ed installare questi sistemi. Lo scopo della guida è quello di definire in maniera chiara e sufficientemente esaustiva il concetto di ancoraggio ovvero del termine più frequentemente utilizzato dagli operatori di settore tramite il quale si identifica il sistema con cui con l’elemento da fissare viene collegato, permanentemente o no, ad una struttura. In questa guida l’ancoraggio è inteso come il sistema comprendente il materiale base, l’ancorante e l’elemento da fissare. Ciò non significa che per altre attività i contenuti del presente documento non siano applicabili ma andranno valutati caso per caso sotto la responsabiltà del datore di lavoro.

Anno:
2011
Autore:
INAIL - Dipartimento tecnologie di sicurezza (ex ISPELS)
Lingua:
Ita
Destinatari
Datori di lavoro, Esperti


Prodotti informativi: La classificazione degli ancoraggi
La sicurezza nei lavori in quota inizia con un idoneo sistema di ancoraggio. Relazione al convegno ”Gli ancoraggi, classificazione e selezione"

Anno:
2011
Autore:
Luigi Cortis INAIL - Dipartimento tecnologie di sicurezza
Data:
2011-10-07
Lingua:
ITA
Destinatari
Datori di lavoro, Esperti


Prodotti informativi: Indicazioni progettuali riguardanti l’istallazione degli ancoraggi
Relazione al convegno ”Gli ancoraggi, classificazione e selezione"

Anno:
2011
Autore:
Paolo Folloni
Data:
2011-10-07
Lingua:
ITA
Destinatari
Datori di lavoro, Esperti, Giovani e studenti
Organizzatore:
INAIL, Dipartimento di Prevenzione, ex-ISPELS


Prodotti informativi: Ancoranti ed ETAG001
Le linee guida ETAG001 e la progettazione secondo l‘allegato ‘C‘: Che cos‘è una linea guida ETAG - Coefficienti di sicurezza parziali - Rottura a trazione - Crisi dell‘ancoraggio lato acciaio - Crisi dell‘ancoraggio lato calcestruzzo (rottura conica, sfilamento, splitting, combinata) - Rottura a taglio - Crisi dell‘ancoraggio lato acciaio - Crisi dell‘ancoraggio lato calcestruzzo (distanza dal bordo, pry-out) - Rottura a carico combinato taglio/trazione. Relazione al convegno ”Gli ancoraggi, classificazione e selezione"

Anno:
2011
Autore:
Michele di Sario
Data:
2011-10-07
Destinatari
Datori di lavoro, Esperti, Giovani e studenti
Organizzatore:
INAIL, Dipartimento di Prevenzione, ex-ISPELS


Prodotti informativi: Guida pratica all’antinfortunistica nei cantieri edili
La guida si pone come obiettivo quello di fornire indicazioni pratiche per l’osservanza delle norme di igiene e sicurezza del lavoro riferibili a un cantiere tradizionale e tratta in dettaglio di: Viabilità, Luoghi di lavoro, Scavi e fondazioni, Protezione dei posti di lavoro, Passerelle, Andatoie, Scale, Ponteggi, ponti su ruote a torre, impalcati e parapetti dei castelli, Macchine da cantiere, Apparecchi di sollevamento, Impianti elettrici in genere, Lavori di demolizione, Lavori speciali, Opere speciali – Prefabbricati, Schemi di montaggio coperture prefabbricate in cemento, Dispositivi di protezione individuali: DPI, Sistemi di arresto caduta, Prescrizioni per i segnali gestuali - Gesti convenzionali da utilizzare, Igiene del lavoro, Sorveglianza sanitaria in edilizia, Alcol e lavoro, Sostanze psicotrope e stupefacenti, Pronto soccorso, Prevenzione incendi, Proposta di un piano unico di lavoro per la rimozione di materiali contenenti amianto in matrice compatta, Notifica Preliminare.

Anno:
2011
Autore:
Regione Emilia Romagna - AUSL Reggio Emilia
Destinatari
Datori di lavoro, Esperti, Giovani e studenti, Lavoratori


Prodotti informativi: Grandi Opere - Alta Velocita' - Variante di Valico
Negli anni che vanno dal 1998 ad oggi nell’ambito della esecuzione di alcune Grandi Opere nel territorio delle Regioni Emilia Romagna e Toscana (linea ferroviaria ad Alta Velocità, variante Autostradale di valico appenninico) si è sviluppata una collaborazione sulla sicurezza ed igiene del lavoro fra gli enti di controllo (ASL di Bologna e Firenze) e le Università di Firenze e Bologna, coordinata dalle strutture regionali di riferimento, che ha portato alla stesura di 43 note interregionali che hanno integrato la normativa esistente applicabile al settore delle grandi opere infrastrutturali e sono state applicate poi nei vari cantieri, grazie ad accordi quadro con i committenti. In particolare sono state affrontate problematiche specifiche quali: • Rischio di investimento • Mezzi diesel • Indumenti di segnalazione ad alta visibilità • DPI, sistemi antincendio, misure per il salvataggio • Ambulanze e mezzi per l’evacuazione del personale • Presenza di terreni grisutosi • Controllo parametri impianti di ventilazione • Campi base • Coordinamento per la sicurezza nelle grandi opere (nota 32, poi adottata integralmente da ITACA, Istituto per l’innovazione e Trasparenza degli Appalti e la Compatibilità Ambientale) • Misure di sicurezza per l’abbattimento del diaframma • Standard di sicurezza contro il rischio di caduta gravi nei lavori a ridosso del fronte di gallerie scavate con tecnica tradizionali (in corso di valutazione ed approvazione da parte della Commissione consultiva per la salute e sicurezza sul lavoro) • Sicurezza nell’uso delle casseforme rampanti (in corso di valutazione ed approvazione da parte della Commissione consultiva per la salute e sicurezza sul lavoro). Oggi alcune di queste note pur superate per quanto riguarda i riferimenti normativi che sono cambiati negli anni, restano tecnicamente valide e quindi potranno essere utilizzate di supporto e di indirizzo per altre grandi opere che si andranno a realizzare nell’ambito del territorio nazionale . Sicuramente invece le ultime in ordine di approvazione sono attualissime e sono inoltre in corso di valutazione ed approvazione da parte della Commissione consultiva per la salute e sicurezza sul lavoro. In base a queste considerazioni si è ritenuto utile creare un link al sito dove queste note e aggiornamenti sono raccolti

Anno:
1998-2011
Autore:
Regioni Emilia Romagna e Toscana
Lingua:
ITA
Destinatari
Datori di lavoro, Esperti, Giovani e studenti, Lavoratori


Prodotti informativi: Culture della sicurezza, immigrazione e lavoro edile a Roma e provincia nel 2010
"Il Quaderno n.9” espone i risultati di un'indagine sulla cultura della sicurezza nei lavoratori edili migranti di Roma e provincia. Tra i temi trattati: il vissuto personale ed il comportamento del gruppo dei pari; la percezione delle cause degli infortuni e delle misure preventive; il concetto di individualismo adattivo; la percezione della discriminazione e i legami di solidarietà; il lavoro in altezza.

Anno:
2010
Autore:
CTP di Roma e provincia
Lingua:
ITA


Prodotti informativi: La sicurezza sul lavoro nei cantieri stradali
Il cantiere stradale è un ambiente di lavoro complesso che presenta una molteplicità e variabilità di rischi sia per chi ci lavora, sia per coloro che vengono in qualche modo a contatto con l'area dei lavori. La conoscenza dei rischi, la prevenzione, l'informazione e la formazione sono elementi fondamentali per una cultura della sicurezza che consenta di ridurre concretamente il fenomeno infortunistico.

Anno:
2009
Editore:
Sede INAIL di Verona
Lingua:
ITA
Destinatari
Esperti, Lavoratori

Pagina:  1 2 3 Successiva »